Entra
Entra

Percorsi e Tiratori

L'attuale percorso inizia da Piazza Castronovo e segue la Via Garibaldi corsia lato mare sino a giungere all'incrocio con Via I Settembre. Qui avviene la manovra più complessa, detta "girata" o "virata", per mettere la Vara in asse ed affrontare il breve tratto di strada che separa da Piazza Duomo. Se la Vara viene fermata nell'ultimo strappo lungo di Via Garibaldi, quasi di fronte all'ingresso del Banco di Sicilia, è bene ricordare che i tiratori e, quindi per le corde , devono necessariamente giungere 120 metri più a sud, sin quasi all'edificio della Cassa di Risparmio V.E.. Lo stesso avverrà di lì a poco, quando con l'ultimo stratto, che porta la Vara in Piazza Duomo (in asse con la porta principale), i tiratori raggiungono e superano il Corso Cavour. Questi tiratori, per antica tradizione appartengono al più autentico popolo, cui in antico si univano gli esponenti dell'aristocrazia cittadina. Resta comunque straordinaria la coesione che questa cerimonia riesce ancor oggi a suscitare. Elemento di partecipazione civile certamente ineguagliata, segno di un'identità raggiunta per antica consuetudine, quasi miracolo di Maria Santissima, sacro e profano si fondono in maniera parossistica, quasi che i devoti, con la forza e la fatica, oltre che riscattarsi dalle colpe di un anno, anch'essi sembrano protagonisti partecipi dell'Assunzione di Maria in anima e corpo. Grande devozione, grande emozione quella che segue l'invocazione di "Viva Maria!".
Tre chilometri il percorso, tre ore la durata, un rito irripetibile, irrinunciabile, per 100.000 messinesi. Proprio un legame viscerale unisce nel rito celebrativo divinità e devoto, tanto che, quando il progetto di costruzione del nuovo tracciato tranviario ha visto contrapporsi, per evidente impossibilità di coesistenza, il tram alla Vara, l'autentico popolo messinese, aduso ormai a subire ogni sorta di menomazione, ha reagito con orgoglio ed ha difeso sino in fondo il suo primo ed ultimo privilegio: quello di poter mostrare il proprio amore filiale a Maria Santissima. Il Comitato Vara, costituito spontaneamente, non ha esitato per l'occasione a rivolgere una specifica e circostanziata supplica a Sua Santità Giovanni Paolo II. Quindi, al di là del piano emozionale, è stato confermato il patto tra messinesi e Maria, stipulato quasi duemila anni fa. Non a caso le interruzioni dei fasti celebrativi d'agosto coincidono, nello scorrere dei secoli, sempre con gravi sciagure per la città.
L'importanza della festa messinese, oltre che dalla lunga storia e dalla corale partecipazione, è sottolineata dalla diffusione che la celebrazione, con il carro dell'Assunta, ebbe in varie città. In Sicilia,Randazzo il 15 Agosto si unisce idealmente a Messina, portando in processione un simulacro che ripete i caratteri della grande "machina" messinese. Nella vicina Calabria, Palmi, Seminara, Polistena e Rosarno celebravano la festa dell'Assunta con modalità identiche al prototipo siciliano. Di queste feste resta attiva solo quella della città di Palmi, che peraltro si svolge con cadenza pluriennale. A Palmi ben si conserva la tradizione dell'abbinamento della devozione alla Madonna della Lettera nella ricorrenza dell'Assunta. Nella cittadina calabrese sono pure presenti le figure dei Giganti, anche se qui i simulacri non sono a cavallo. Infine, interessante è la persistenza all'apice della Vara (qui chiamata Varia) di personaggi viventi nei ruoli di Gesù e dell'Alma Maria.
Rapporti significativi, di recente ripresi, legano i rispettivi Comitati Vara di Messina e Palmi, a conferma di un rapporto antico e privilegiato tra le due città.